Bennett ha detto che stava prendendo in considerazione una pausa dalla politica e non si sarebbe candidato alle prossime elezioni

Secondo i servizi televisivi israeliani di mercoledì, il primo ministro Naftali Bennett ha sollevato l’idea di prendersi una pausa dalla vita politica e di non candidarsi alle prossime elezioni.

La stazione pubblica Kan ha detto che Bennett aveva sollevato l’idea in un incontro con gli altri Yaminos, ma ha detto di non aver preso una decisione definitiva.

Il primo ministro non ha commentato pubblicamente.

Yamina MK avrebbe esortato Bennett a prendere una decisione rapida e collegare il suo destino con il suo. Secondo il rapporto di Kan, è probabile che si dimetta anche se Bennett lo fa.

Knesset approvato mercoledì lettura preliminare del disegno di legge per sciogliersi. Una volta superati i necessari ostacoli legislativi, Israele andrà alla sua quinta elezione nel 2019 e il ministro degli Esteri Yair Lapid diventerà primo ministro ad interim fino alla formazione di un nuovo governo. Bennett avrebbe quindi sostituito Lapid come primo ministro supplente.

I sondaggi sono stati trasmessi in televisione martedì ha mostrato che la Yamina di Bennett avrebbe vinto solo da quattro a cinque seggi rispetto ai sette che il partito ha vinto nelle elezioni del 2021, il che potrebbe svolgere un ruolo nell’incoraggiare il primo ministro uscente a consegnare le redini al suo partito.

Yamina MK Nir Orbach, capo del comitato della Knesset House, 21 maggio 2222. (Olivier Fitoussi / Flash90)

Nel frattempo, Channel 13 ha annunciato mercoledì che prima che Bennett decidesse che la prospettiva di salvare la coalizione era finita, i suoi vice si erano offerti di nominare il ribelle Yamina Nira Orbach alla posizione di potere che aveva scelto in cambio delle sue dimissioni dalla Knesset.

Secondo quanto riferito, a Orbach è stato offerto un posto alla lotteria nazionale israeliana Mifal HaPais o come CEO Keren Hayesod, l’ente ufficiale di raccolta fondi del paese.

Apparentemente Orbach ha respinto la proposta, citando i suoi valori personali.

Il legislatore Yamina ha recentemente ritirato il suo sostegno al governo, citando il rifiuto dei parlamentari della coalizione che si sono rifiutati di sostenere la legislazione chiave che applica la legge israeliana ai cittadini israeliani che vivono in Cisgiordania; la decisione ha lasciato al governo una minoranza parlamentare.

Bennett è stato eletto per la prima volta alla Knesset dopo aver guidato il Jewish Home Party e ha vinto 12 seggi nelle elezioni del 2013. Ha poi servito come ministro nei governi guidati da Netanyahu.

Nelle elezioni dell’aprile 2019 con il suo partito Nuova Destra, non ha varcato la soglia elettorale, ma gli è stata data una seconda possibilità quando un altro turno elettorale si è svolto nel settembre dello stesso anno e ha riguadagnato il suo seggio alla Knesset come parte della fazione Yamina .

Dopo le elezioni del 2021, Bennett si separò dal suo vecchio alleato Netanyahu e formò un governo di unità storico e diversificato in cui lui stesso divenne primo ministro. La coalizione è crollata negli ultimi mesi sotto il peso di defezioni, molte delle quali sole, dovute a conflitti ideologici con i partner della coalizione.

È probabile che nuove elezioni si terranno alla fine di ottobre o all’inizio di novembre, dopo le festività ebraiche.

Non si tratta (solo) di te.

Supporto The Times of Israel non è una transazione per un servizio online come un abbonamento Netflix. La comunità ToI è per le persone come te che si prendono cura bene comune: Garantire che una copertura equilibrata e responsabile di Israele rimanga a disposizione di milioni di persone in tutto il mondo gratuitamente.

Certo, rimuoveremo tutti gli annunci dal tuo sito e avremo accesso a fantastici contenuti riservati alla community. Ma il tuo supporto ti dà qualcosa di più profondo: orgoglio di unirti qualcosa che conta davvero.

Unisciti alla comunità di Times of Israel

Unisciti alla nostra comunità

Sei già iscritto? Per interrompere la visualizzazione, accedi

Sei un lettore devoto

Ecco perché abbiamo fondato il Times of Israel dieci anni fa, per offrire a lettori esigenti come te una lettura obbligata su Israele e il mondo ebraico.

Quindi ora abbiamo una richiesta. A differenza di altri canali di notizie, non abbiamo esposto il paywall. Ma poiché il giornalismo che facciamo è costoso, invitiamo i lettori, per i quali The Times of Israel è diventato importante, a sostenere il nostro lavoro unendosi. Comunità Times of Israel.

Per soli $ 6 al mese, puoi aiutare a sostenere il nostro giornalismo di qualità mentre ti godi The Times of Israel PUBBLICITÀ GRATUITAcosì come l’approccio contenuto esclusivo disponibile solo per i membri della comunità del Times of Israel.

Grazie,
David Horovitz, editore fondatore di The Times of Israel

Unisciti alla nostra comunità

Unisciti alla nostra comunità

Sei già iscritto? Per interrompere la visualizzazione, accedi

Leave a Comment