Blizzard conferma che l’espansione Dragonflight di World of Warcraft è stata rilasciata quest’anno

Dopo la sua apparente rivelazione senza finestre ad aprile, Blizzard ha ora confermato che l’espansione Dragonflight World of Warcraft sarà lanciata entro la fine dell’anno.

Dragonflight, come descritto in dettaglio in Blizzard’s Inaugurazione del flusso di aprileDarà ai giocatori l’accesso alla dimora ancestrale dei draghi, a lungo nascosta, conosciuta come le Isole dei Draghi, e introdurrà quattro nuove aree – le Rive Risvegliate, le Pianure di Ohn’ahran, le aree di partenza di Azure Span e Thaldraszus – complete di nuovi dungeon e incursioni.

Dragonflight aggiunge anche Dracthyr Evokers, un nuovo ibrido giocabile di una classe razziale che può, a seconda della specializzazione della classe scelta dal giocatore, concentrarsi sul danno o sulla guarigione, oltre a un nuovo sistema di volo basato sulle abilità combinato con compagni draghi personalizzabili.

World of Warcraft – Dragonflight annuncia il trailer del film.

Oltre a tutte le principali funzionalità, Dragonflight promette anche di migliorare alcuni dei meccanismi esistenti di World of Warcraft, inclusa la riprogettazione del sistema dei talenti di gioco, professioni migliorate e un’interfaccia utente aggiornata.

Blizzard afferma che tre versioni digitali di Dragonflight sono ora disponibili per il preordine: le edizioni Base, Heroic ed Epic, che costano £ 40, £ 55 e £ 75, ciascuna con una diversa selezione di cosmetici, e un’edizione fisica da £ 130, che insieme con il codice di gioco dell’edizione Epic e Pet Drakks porta un libro d’arte con copertina rigida, un tappetino per il mouse e cinque distintivi collezionabili.

L’aggiornamento di World of Warcraft di oggi segue una settimana ricca di eventi per gli editori di Activision Blizzard. Non solo, ora fornisce a data di uscita tanto attesa per Overwatch 2, ha anche annunciato che dopo quasi un anno di accuse scioccanti, ha promosso una cultura aziendale in cui sono prosperate molestie sessuali, aggressioni e comportamenti inappropriati. stava indagando su se stesso e ha stabilito che “non c’erano molestie diffuse o molestie sistemiche” nell’azienda.

Ha anche insistito sul fatto che “non ci sono prove che suggeriscano che i dirigenti di Activision Blizzard abbiano deliberatamente ignorato o tentato di minimizzare i casi di molestie di genere che si sono verificati e sono stati segnalati”, nonostante maledetto Wall Street Journal un rapporto di novembre afferma che Bobby Kotick è a conoscenza di accuse di abusi sessuali e maltrattamenti di dipendenti in molte parti della società “da anni”.

Nonostante Activision Blizzard stasera insista sul fatto che l’azienda non commetta una colpa votato a favore dell’approvazione una proposta per pubblicare una relazione annuale sui suoi sforzi per porre fine alla discriminazione e alle molestie sul posto di lavoro. Tuttavia, il voto non è vincolante e Activision ha solo detto che lo “considererà”.

Leave a Comment