Le Maldive stanno costruendo una città galleggiante per 20.000 persone nel mezzo di una crisi climatica

Una società di sviluppo si sta preparando per l’inevitabile: l’innalzamento del livello del mare.

E per prepararsi, le città galleggianti stanno iniziando a svilupparsi in tutto il mondo.

Ad aprile ha annunciato la costruzione dell’ONU la prima città galleggiante vicino alla seconda città più grande della Corea del Sud, Busan. Conosciuto come Città di Oceanix, prevede di fornire case per la comunità di 12.000 persone, potenzialmente fino a 100.000, con l’inizio della costruzione nel 2023.

E ora e seconda città galleggiante è in costruzione fuori dalla capitale delle Maldive.

La città, progettata secondo uno schema simile al corallo, sarà composta da 5.000 unità galleggianti. Queste unità includeranno case, ristoranti, negozi e scuole, tra le quali scorreranno i canali. In totale, la città può ospitare fino a 20.000 persone. E come Oceanix, può resistere agli uragani.

Le prime unità saranno svelate questo mese, i residenti inizieranno a migrare all’inizio del 2024. L’intera città dovrebbe essere completata entro il 2027.

La città ha una struttura naturale di strade e corsi d’acqua che ricorda il modo efficiente in cui sono organizzati i veri coralli cerebrali, secondo il sito web di Maldives Floating City.
Koen Olthuis, Waterstudio.nl
Nella parte bassa della città saranno fissate sponde di corallo artificiale, che stimoleranno la crescita naturale dei coralli.
Nella parte bassa della città saranno fissate sponde di corallo artificiale, che stimoleranno la crescita naturale dei coralli.
Waterstudio.NL/porto olandese

“Le proprietà galleggianti forniranno sicurezza e spazio per la costruzione nelle città sovraffollate e soggette a inondazioni”, ha affermato Koen Olthuis, fondatore Waterstudio, studio di architettura che ha progettato la città, ha detto The Post. “Gli edifici galleggianti sposteranno gli immobili oltre il lungomare, il che cambierà le nostre città proprio come l’introduzione dei grattacieli cento anni fa”.

Lo studio di architettura Olthuis si dedica esclusivamente alla costruzione di immobili sull’acqua.

“Lo sviluppatore, Dutch Docklands Maldives, è una partnership pubblico-privato con il governo”, ha affermato Olthuis. “Il processo ha richiesto quasi 10 anni, ma sbloccherà opportunità simili nelle città costiere di tutto il mondo”.

La città galleggiante si trova a soli dieci minuti di barca dalla capitale Malé e dall'aeroporto internazionale.
La città galleggiante si trova a soli dieci minuti di barca dalla capitale Malé e dall’aeroporto internazionale.
Waterstudio.NL/porto olandese

Le caratteristiche del Waterstudio Maldives includono case color arcobaleno per attirare la gente del posto. Ad ogni casa si aggiungono ampi balconi e vista mare. Per il trasporto, i residenti si muoveranno su barche, oppure potranno camminare, andare in bicicletta o guidare scooter elettrici o carrozzine.

“La tecnologia non è un problema, ma è un quadro normativo che richiede tempo per adattarsi”, ha spiegato Olthuis. “I soldi stanno parlando, quindi significa che se le autorità capiscono che il costo della costruzione galleggiante è inferiore al costo della distruzione delle infrastrutture del lungomare e degli immobili, allora questo ulteriore cambiamento nello sviluppo della città volerà”.

La capitale delle Maldive, Malé, è considerata una delle città più densamente popolate del mondo con più di 200.000 abitanti stipati in un’area di circa 2.000 acri.

Gli acquirenti stranieri di una casa nella Città galleggiante delle Maldive possono richiedere un permesso di soggiorno alle Maldive.
Gli acquirenti stranieri di una casa nella Città galleggiante delle Maldive possono richiedere un permesso di soggiorno alle Maldive.
Waterstudio.NL/porto olandese

I prezzi medi partono da $ 150.000 per uno studio o $ 250.000 per una casa di famiglia, ha detto Olthuis.

Al momento, le unità saranno costruite nel cantiere navale locale, che poi rimorchieranno nella città galleggiante. Una volta inviate in città, le loro unità saranno fissate a un grande scafo sottomarino in cemento, che è imbullonato al fondo del mare su palafitte telescopiche in acciaio, permettendogli di muoversi agevolmente con le onde.

Olthuis ha spiegato che sarebbe stata una città perfettamente funzionante come qualsiasi altra città sulla terraferma.

“Penso che il ruolo degli architetti stia cambiando da designer a medico di città che risolve i problemi della città usando l’acqua come medicina”, ha detto.

Leave a Comment