L’Iran nomina il nuovo capo dello spionaggio dell’IRGC mentre aumentano le tensioni in Israele | Notizia

Non è stato fornito alcun motivo per cui Hossein Taeb, ora consigliere del comandante in capo del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane, fosse stato sostituito.

Teheran, Iran – L’Iran ha nominato un nuovo comandante a capo dei potenti servizi di intelligence del suo Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC), senza fornire alcun motivo per cui il precedente capo abbia lasciato l’incarico.

Un portavoce delle forze d’élite, Ramezan Sharif, ha dichiarato giovedì in una dichiarazione che Hossein Taeb è stato sostituito da Mohammad Kazemi, che in precedenza aveva guidato l’organizzazione di protezione del controspionaggio dell’IRGC.

Il cinquantanovenne Taeb, ex alto funzionario del ministero dell’intelligence iraniano, è entrato a far parte dell’IRGC alla fine del 21° secolo ed è stato nominato capo dell’organizzazione paramilitare Basij nel 2008.

Un anno dopo, fu costituita l’unità di intelligence dell’IRGC e Taeb prese il comando, mantenendo la posizione fino all’annuncio della sua sostituzione.

Un portavoce dell’IRGC non ha fornito alcun motivo per la partenza di Taeb giovedì, affermando semplicemente che Taeb era stato nominato consigliere di Hossein Salami, comandante in capo.

La notizia è arrivata dopo due giorni di voci online sul licenziamento di Taeb. Nessuno speculatore iraniano ha commentato.

Il sostituto di Taeb arriva pochi giorni dopo che i media israeliani hanno riferito che c’era lui dietro una presunta cospirazione iraniana per uccidere o rapire turisti israeliani in Turchia.

All’inizio di questo mese, Israele ha alzato l’allerta di viaggio a Istanbul al massimo livello di allerta, affermando che i cittadini potrebbero essere l’obiettivo dei tentativi iraniani di uccidere o rapire israeliani in vacanza in Turchia.

Accordo nucleare morente

Nel luglio 2021, un’agenzia di stampa Reuters ha riferito, riferendosi a fonti irachene anonime, che Taeb aveva guidato una delegazione dell’IRGC a Baghdad e aveva consigliato alle milizie sciite di intensificare gli attacchi contro obiettivi statunitensi senza andare troppo lontano.

Le tensioni tra Iran e Stati Uniti in tutta la regione sono aumentate drasticamente da quando Washington ha unilateralmente abbandonato l’accordo nucleare iraniano del 2015 con le potenze mondiali nel 2018 e ha imposto dure sanzioni, che sono ancora in vigore oggi.

L’assassinio statunitense di Qassem Soleimani – l’influente comandante del Quds IRGC – nel gennaio 2020 ha portato la tensione a nuovi massimi.

Iran e Stati Uniti non sono ancora riusciti a raggiungere un accordo sul rinnovo dell’accordo nucleare, e la questione se l'”organizzazione terroristica straniera” imposta dagli Stati Uniti all’IRGC sarà abolita è uno dei problemi principali .

Anche la disputa dell’Iran con Israele, che è fermamente contraria a un accordo nucleare, è peggiorata in modo significativo poiché i colloqui sul nucleare si sono bloccati negli ultimi mesi.

Diversi membri del personale dell’IRGC sono stati uccisi negli ultimi mesi, ma l’Iran non li ha incolpati tutti. Tuttavia, ha incolpato Israele e ha promesso vendetta per l’omicidio del colonnello dell’IRGC Quds Hassan Sayyad Khodaei, assassinato a fine maggio in una sparatoria a Teheran.

Giovedì un tribunale di Teheran ha stabilito che gli Stati Uniti devono pagare 4,3 miliardi di dollari di danni repressivi e compensativi alle famiglie di diversi scienziati nucleari iraniani che sono stati assassinati negli ultimi anni. La corte ha affermato che il governo degli Stati Uniti aveva assistito Israele nelle uccisioni.

Leave a Comment