Macron afferma che i partiti devono lavorare insieme dopo aver perso il controllo del parlamento Francia

I leader dei partiti di opposizione francesi sono tutti d’accordo sulla necessità di evitare uno stallo politico e ora devono imparare a scendere a compromessi, ha detto mercoledì Emanuel Macron, affrontando la più grande crisi della sua carriera e uno stallo politico senza precedenti dopo aver perso il controllo del parlamento.

Nei suoi primi commenti da quando il suo gruppo centrista è rimasto indietro di oltre 40 seggi rispetto alla maggioranza assoluta Elezioni parlamentari Macron ha detto domenica che è necessario trovare accordi oltre le linee del partito e che nelle prossime settimane proverà a stabilire una maggioranza di lavoro.

“Non posso ignorare le rotture, le profonde divisioni che attraversano il nostro Paese e si riflettono nella composizione del nuovo [national] riunione “, ha detto Macron in un discorso televisivo mercoledì sera.

Macron ha goduto del pieno controllo del parlamento durante il suo primo mandato dal 2017. Ma gli elettori che lo hanno rieletto presidente ad aprile hanno tenuto un parlamento sospeso domenica, arrabbiati per l’aumento dell’inflazione e la sua percepita indifferenza.

“Nei prossimi giorni dovremo chiarire quanta responsabilità e collaborazione sono disposte ad accettare le varie formazioni dell’Assemblea nazionale”.

L’ascesa storica dell’Assemblea nazionale anti-immigrazione di estrema destra di Marine Le Pen lo ha reso il più grande partito di opposizione indipendente.

Anche l’alleanza di sinistra dei partiti, guidata dal partito di estrema sinistra France Unbowed di Jean-Luc Mélenchon, che ora è il terzo partito più grande in parlamento con circa 72 seggi, ha ottenuto grandi guadagni. Altri nell’alleanza di sinistra includono i socialisti ei Verdi.

Le Pen, che è arrivata seconda dietro Macron alle elezioni presidenziali di aprile dopo aver promesso di ridurre l’IVA sul carburante e vietare il velo musulmano in tutti i luoghi pubblici, mercoledì ha accolto trionfalmente il suo nuovo gruppo di partito all’Assemblea nazionale. Con 89 nuovi membri del parlamento, questo è il numero più alto di legislatori di estrema destra nel parlamento francese nella storia moderna.

“Milioni di francesi sono stati privati ​​di un’equa rappresentanza in parlamento per decenni, ma sono rappresentati oggi”, ha affermato.

Il partito di Le Pen ha storicamente fatto male alle elezioni parlamentari, dove il doppio turno non conteneva alcuna rappresentanza proporzionale, ma questa volta si è opposto a questa tendenza.

La nuova accoglienza dei membri del parlamento di estrema destra includeva un numero significativo di consiglieri locali che hanno dimostrato che l’estrema destra si era espansa con successo al livello più basso in tutta la Francia, ad eccezione del suo cuore nel nord-est postindustriale e della sua roccaforte nel sud. Nel sud-ovest e in Gironda, in alcune zone tradizionalmente detenute dalla sinistra, c’è stato un aumento dell’estrema destra. Il gruppo si è espanso in Normandia, Borgogna, Francia centrale, nord-est e costa mediterranea.

Le Pen ha affermato che i suoi membri del parlamento avevano incluso nuovi profili che rappresentavano meglio la società francese. I legislatori in erba del suo partito includevano tre agenti di polizia, tre ex giornalisti e una badante per gli anziani.

Un nuovo parlamentare di estrema destra per la Normandia era Katiana Levavasseur, una donna delle pulizie di supermercati. La donna di 52 anni ha detto di voler difendere “l’impiego di lavoratori francesi non qualificati che, come me, si alzano presto la mattina per guadagnare 11,75 euro l’ora”. Si è descritta come la prova vivente, “che puoi iniziare dal nulla e finire in parlamento”.

Jorys Bovet, un autista di furgone di 29 anni, è stato eletto di estrema destra ad Allier, nella Francia centrale. “Vengo dal mondo reale.” Lavoro da quando avevo 16 anni”, ha detto al quotidiano locale La Montagne. “Vedo una crisi del costo della vita, tutti sono tassati, le persone ne hanno abbastanza”.

L’estrema destra José Beaurain, 50 anni, anche lui di origine operaia, è stato il primo membro non vedente ad entrare in parlamento. In precedenza ha lavorato in un negozio di musica come accordatore di pianoforti ed è stato un ex vice-campione di Francia nel bodybuilding. Ha perso completamente la vista nel 2008 a causa di una malattia genetica, e questa settimana ha detto a Le Parisien: “Non sono stato eletto per questo, non ne ho parlato alla stampa, ma per me è un grande orgoglio. Dimostra che tutti, anche le persone con disabilità, possono avere sogni e ambizioni”.

Le Pen, che ha immediatamente avviato i preparativi per le prossime elezioni presidenziali quinquennali alla fine dell’ultimo mandato di Macron, spera di utilizzare il parlamento come mezzo per assicurarsi serietà e visibilità, poiché altri partiti continuano ad accusarla di razzismo e anti-musulmano. sostiene che il suo manifesto anti-immigrazione, che è quello di lasciare la Francia ai francesi, è incostituzionale.

“Saremo un’opposizione forte, ma anche un’opposizione responsabile, rispettosa delle istituzioni e sempre costruttiva”, ha affermato Le Pen.

Il partito, profondamente indebitato, riceverà anche una grossa iniezione finanziaria dal suo nuovo gruppo parlamentare, che lo aiuterebbe a rimborsare un prestito in sospeso da una banca russa, che ha contratto per la campagna elettorale del 2014.

“,”caption”:”Sign up to First Edition, our free daily newsletter – every weekday morning at 7am BST”,”isTracking”:false,”isMainMedia”:false,”source”:”The Guardian”,”sourceDomain”:”theguardian.com”}”>

Iscriviti al primo numero, la nostra newsletter giornaliera gratuita, ogni mattina nei giorni feriali alle 7:00 BST

In un articolo separato di mercoledì, l’ufficio del pubblico ministero francese ha affermato che stava indagando su un sottosegretario dopo che due accuse di stupro erano state mosse contro di lei. Le accuse risalgono al tempo in cui Chrysoula Zacharopoulou, Segretario di Stato per lo Sviluppo, la Francofonia e il Partenariato internazionale, lavorava come ginecologa, secondo la rivista francese Marianne.

Il servizio dell’ospedale di Parigi ha affermato di non essere a conoscenza di lamentele. Il Dipartimento di Stato non ha risposto alle richieste di commenti, ha affermato AFP.

Leave a Comment