Nothing’s Phone 1 non arriva negli Stati Uniti

Nulla ha confermato che il suo smartphone di debutto, Phone 1, non avrà un’ampia distribuzione negli Stati Uniti o in Canada, PCMag notizia. Invece, un “numero limitato” di strutture sarà distribuito agli investitori della comunità nel paese come parte di una “beta chiusa”, Nothing ha detto. Ha aggiunto che spera di lanciare uno smartphone supportato dagli Stati Uniti in futuro.

“Anche se vorremmo portare Phone 1 all’intera comunità in tutto il mondo, ci rivolgiamo ai mercati nazionali, inclusi Regno Unito ed Europa, dove abbiamo solide partnership con i principali operatori locali”, ha affermato la società. PCMag nella dichiarazione. “Il lancio di uno smartphone, come sapete, richiede molto tempo, dall’assicurazione del supporto dei telefoni cellulari nel Paese alla collaborazione con gli operatori e le normative locali, e poiché siamo ancora un marchio giovane, dobbiamo agire strategicamente”.

PCMag afferma che chiunque tenti di utilizzare un telefono Nothing negli Stati Uniti probabilmente avrà una copertura “imprevedibile” su T-Mobile, nessun supporto vocale LTE presso AT&T e nessun servizio su Verison.

Hanno annunciato che Phone 1 non avrebbe ricevuto la versione completa negli Stati Uniti, hanno iniziato ad apparire dopo un numero limitato di smartphone. messo in vendita su StockX davanti al dispositivo lancio ufficiale il 12 luglio. L’elenco dei prodotti affermava che il telefono “non è completamente supportato in Nord America”. La funzionalità può essere influenzata a seconda dell’operatore, della copertura, della velocità e/o dell’affidabilità; o potrebbe non funzionare affatto”.

Storicamente è stato difficile per i nuovi operatori entrare nel mercato degli smartphone negli Stati Uniti. I telefoni di famosi produttori cinesi come Xiaomi, Oppo e Huawei non sono generalmente disponibili nel paese e la selezione di telefoni cellulari degli operatori statunitensi è dominata da Apple e Samsung. Non sorprende che startup come Nothing non siano state più fortunate.

Leave a Comment