Tracce di virus della poliomielite trovate nelle acque reflue di Londra quando i paramedici hanno dichiarato un incidente nazionale Notizie dal Regno Unito

Tracce di virus della poliomielite sono state trovate durante un’ispezione di routine delle acque reflue a Londra, portando l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito a dichiarare un incidente a livello nazionale.

Gli operatori sanitari sono ora preoccupati per la diffusione del virus dopo che i campioni sono stati prelevati dalla Beckton Sewage Treatment Works a Londra, ma hanno sottolineato che il rischio per il pubblico era estremamente basso.

Diversi virus della poliomielite strettamente correlati sono stati trovati in campioni di acque reflue prelevati tra febbraio e maggio. Ha continuato a svilupparsi ed è ora classificato come “poliovirus di derivazione vaccinale” (VDPV2).

I funzionari ritengono che ci sia stata una certa diffusione in individui strettamente di classe orientale tra individui strettamente imparentati – probabilmente membri della famiglia allargata – e che queste persone ora espellono il poliovirus di tipo 2 nelle feci.

Un’indagine urgente cercherà di determinare l’entità della trasmissione nella comunità e determinare dove potrebbe verificarsi.

Che cos’è la poliomielite, le persone sono state vaccinate contro di essa nel Regno Unito e qual è il rischio per il pubblico?

La dott.ssa Vanessa Saliba, epidemiologa dell’UKHSA, ha dichiarato: “Il poliovirus derivato dal vaccino è raro e il rischio per il pubblico è complessivamente estremamente basso.

“Il poliovirus derivato dal vaccino ha il potenziale di diffondersi, soprattutto nelle comunità in cui il tasso di assorbimento del vaccino è inferiore. In rari casi, può causare paralisi nelle persone che non sono completamente vaccinate, quindi se tu o tuo figlio non avete un attuale vaccino contro la poliomielite, è importante che contatti il ​​tuo medico di famiglia per aggiornarti o, se non sei sicuro, controlli il tuo Libro rosso.

“La maggior parte della popolazione del Regno Unito sarà protetta dalla vaccinazione da bambino, ma in alcune comunità a bassa vaccinazione, gli individui potrebbero rimanere a rischio.

“Stiamo indagando con urgenza per comprendere meglio la portata di questa trasmissione e al SSN è stato chiesto di segnalare tempestivamente eventuali casi sospetti all’UKHSA, sebbene finora nessun caso sia stato segnalato o confermato”.

È probabile che il virus sia stato diffuso da qualcuno che era stato recentemente vaccinato contro la poliomielite in un Paese dove non è stata ancora eradicata, come il Pakistan, l’Afghanistan o la Nigeria.

Ad oggi, il virus è stato rilevato solo in campioni di acque reflue e non sono stati segnalati casi correlati di paralisi.

È normale che ogni anno vengano rilevati da uno a tre poliovirus “simili a un vaccino” nei campioni di acque reflue nel Regno Unito, ma questi sono sempre stati risultati non correlati e poi scompaiono.

Il grande colpo che la poliomielite ha rilevato a Londra: un’analisi

Tom Clarke

Redattore scientifico e tecnologico

@aTom Clarke

L’eradicazione quasi completa della poliomielite in tutto il mondo è uno dei risultati più difficili della salute pubblica globale dell’ultimo secolo.

Pertanto, il duro colpo è che a Londra sono state rilevate tracce del virus.

Naturalmente, il rischio per i bambini e i giovani nel Regno Unito è basso. I bambini vengono regolarmente vaccinati contro il virus, quindi avranno poche possibilità di diffonderlo.

Sebbene si diffonderà tra una minoranza di persone che non sono state vaccinate, si spera che una risposta rigorosa di salute pubblica dovrebbe tenerla sotto controllo.

Ma il fatto che la polio possa anche prendere piede in un paese con un sistema sanitario sofisticato e buoni livelli di copertura vaccinale è un chiaro promemoria del fatto che la polio ha il potenziale per tornare fino a quando non sarà completamente eradicata.

Leggi di più qui

Questa è la prima volta che lo stesso virus viene rilevato diversi mesi dopo l’ultimo caso nel 1984.

Questi risultati precedenti si sono verificati quando un individuo vaccinato all’estero con un vaccino antipolio orale vivo (OPV) è tornato o si è recato nel Regno Unito e ha “escluso” brevemente tracce del vaccino simile al poliovirus nelle feci.

Il virus rappresenta un rischio per chiunque non sia stato vaccinato, in particolare bambini e giovani adulti. L’uso del vaccino antipolio a livello nazionale è elevato, ma a Londra il tasso è molto più basso.

Il vaccino antipolio di base viene somministrato ai bambini di due, tre e quattro mesi. Sono necessarie tre dosi per completare il corso base. Nel Regno Unito, viene somministrato come parte di un vaccino sei in uno. Nel Regno Unito, prima che i bambini raggiungano i due anni, quasi il 95% di loro avrà questo ciclo di tre vaccini. A Londra, dove è stato rilevato il virus, il numero sta scendendo appena sotto il 90%.

Negli ultimi cinque-dieci anni, gli operatori sanitari affermano di aver assistito a un lento e costante declino nell’adozione dei programmi di vaccinazione dei bambini. Il tasso di vaccinazione per la dose di richiamo prescolare offerta ai bambini di tre anni è del 71% a Londra. Questo è più o meno lo stesso numero per gli adolescenti che vengono offerti ai bambini del nono anno scolastico.

Jane Clegg, infermiera capo del NHS a Londra, ha dichiarato: “La maggior parte dei londinesi è completamente protetta dalla poliomielite e non dovrà intraprendere ulteriori azioni, ma il NHS inizierà a contattare i genitori di bambini di età inferiore ai cinque anni a Londra che non lo sono in regola con la loro vaccinazione antipolio agli invitati per la protezione.

“Nel frattempo, i genitori possono anche controllare lo stato di vaccinazione del loro bambino nel loro libro rosso e le persone dovrebbero contattare il proprio medico di famiglia per prenotare le vaccinazioni se loro o il loro bambino non sono completamente aggiornati”.

Il virus della poliomielite può infettare il midollo spinale e i nervi alla base del cervello e causare paralisi e, nei casi più estremi, può essere pericoloso per la vita.

Ma la maggior parte delle persone con la poliomielite non avrà sintomi e combatterà l’infezione senza rendersi conto di essere stata infettata. Un piccolo numero di persone soffre di malattie simil-influenzali da tre a 21 giorni dopo l’infezione.

Si diffonde facilmente da persona a persona, soprattutto per via oro-fecale, dove la persona infetta non si lava bene le mani dopo aver usato la toilette e poi aver toccato cibo/acqua mangiati da altri – e meno spesso tossendo e starnutendo. . Il virus si moltiplica nell’intestino e le persone infette espellono grandi quantità di virus nelle feci.

Beckton London Sewage Works ha un bacino di utenza di oltre quattro milioni di persone e questo rappresenta una sfida significativa per i funzionari sanitari.

Se vengono identificati più campioni di virus, lo stato di emergenza potrebbe estendersi al livello successivo, portando interventi mirati, inclusi piccoli lotti di vaccinazione e campionamento delle feci dalle aree in cui è stato trovato il virus della poliomielite.

Il professor Adam Finn, membro del Joint Vaccination and Immunization Committee (JCVI), ha dichiarato a Sky News:

“E quando vediamo importazioni una tantum, se vuoi, qualcuno che è stato vaccinato di recente, di solito appare per un breve periodo e poi scompare, mentre osserviamo virus geneticamente correlati per diversi mesi. Adesso.

“E questo suggerisce fortemente che c’è una trasmissione tra le persone nel Regno Unito, e soprattutto in questa zona di Londra”.

Affrontando la forma attenuata del virus utilizzato in alcuni vaccini – non quello utilizzato nel Regno Unito – ha aggiunto: “E questi tipi di virus possono effettivamente causare la poliomielite, anche se provengono dal vaccino, possono gradualmente tornare alla virulenza e causare paralisi”.

Leave a Comment