Una città galleggiante alle Maldive sta cominciando a prendere forma

La città sorge dalle acque dell’Oceano Indiano. Nella laguna turchese, a soli 10 minuti di barca da Male, la capitale delle Maldive, si sta costruendo una città galleggiante abbastanza grande da ospitare 20.000 persone.

La città, progettata secondo uno schema simile al corallo, sarà composta da 5.000 unità galleggianti, tra case, ristoranti, negozi e scuole, tra le quali scorrono i canali. Le prime unità saranno svelate questo mese, i residenti inizieranno a migrare all’inizio del 2024 e l’intera città dovrebbe essere completata entro il 2027.

Il progetto – una joint venture tra lo sviluppatore olandese Docklands e il governo delle Maldive – non è inteso come un esperimento selvaggio o una visione futuristica: è costruito come una soluzione pratica alla dura realtà dell’innalzamento del livello del mare.

Le Maldive, un arcipelago di 1.190 isole basse, sono uno dei paesi più vulnerabili al cambiamento climatico. Ottanta percento la sua area è a meno di un metro sul livello del mare e si prevede un aumento dei livelli fino al metro entro la fine del secolo, quasi l’intero paese avrebbe potuto essere affondato.

Vuoi proteggere la tua casa dall’innalzamento del livello del mare in futuro? Lascia che galleggi

Ma se la città galleggia, potrebbe sorgere con il mare. Questa è una “nuova speranza” per più di mezzo milione di Maldive, ha affermato Koen Olthuis, fondatore di Waterstudio, lo studio di architettura che ha progettato la città. “Può dimostrare che ci sono alloggi a prezzi accessibili, grandi comunità e normali città sull’acqua che sono anche sicure. Loro (le Maldive) cambieranno da rifugiati climatici a innovatori climatici”, ha detto alla CNN.

Centro per l’architettura galleggiante

Nato e cresciuto nei Paesi Bassi – dove circa un terzo del paese si trova sotto il livello del mare – Olthuis ha avuto una vita vicino all’acqua. La famiglia di sua madre era costruttori navali e suo padre proveniva da un certo numero di architetti e ingegneri, quindi sembrava naturale combinare i due, ha detto. Nel 2003 Olthuis fonda Waterstudio, uno studio di architettura dedicato esclusivamente all’acquedotto.

All’epoca c’erano segni di cambiamento climatico, ma non era considerato un problema abbastanza grande per poter costruire una società attorno ad esso, ha detto. Il problema più grande all’epoca era lo spazio: le città si stavano espandendo, ma c’era carenza di terreno adatto per un nuovo sviluppo urbano.

La sede del Global Center on Adaptation si trova sulla Nieuwe Maas a Rotterdam. Credito: Marcel IJzerman

Negli ultimi anni, tuttavia, il cambiamento climatico è diventato un “catalizzatore” che spinge l’architettura fluttuante verso il mainstream, ha affermato. Negli ultimi due decenni, Waterstudio ha progettato più di 300 case galleggianti, uffici, scuole e centri medici in tutto il mondo.

I Paesi Bassi divennero il centro del movimento, la patria parchi galleggiantie caseificio galleggianteaa edificio per uffici galleggianteche funge da quartier generale per il Global Center on Adaptation (GCA), un’organizzazione focalizzata sull’aumento delle soluzioni di adattamento climatico.

Patrick Verkooijen, CEO di GCA, vede l’architettura galleggiante come una soluzione pratica ma economicamente intelligente per l’innalzamento del livello del mare.

“Il costo del non adattarsi a questi rischi di alluvione è straordinario”, ha detto alla CNN. “Abbiamo una scelta: o ritardiamo e paghiamo, oppure progettiamo e prosperiamo. Uffici galleggianti ed edifici galleggianti fanno parte di questa pianificazione contro il clima del futuro”.

Secondo lo scorso anno, le inondazioni sono costate all’economia globale più di 82 miliardi di dollari compagnia di riassicurazione Swiss Ree poiché il cambiamento climatico provoca condizioni meteorologiche più estreme, si prevede che i costi aumenteranno. Un messaggio da Istituto delle risorse mondiali prevede che entro il 2030, oltre 700 miliardi di dollari di proprietà urbane saranno colpiti ogni anno dalle inondazioni costiere e fluviali.

Ma nonostante le dinamiche degli ultimi anni, l’architettura galleggiante ha ancora molta strada da fare in termini di dimensioni e convenienza, ha affermato Verkooijen. “Questo è il prossimo passo su questo percorso: come possiamo aumentare e, allo stesso tempo, come possiamo accelerare? Urge scalare e accelerare”.

Una città normale, appena sull’acqua

Il progetto Maldive mira a realizzare entrambi e costruire una città per 20.000 persone in meno di cinque anni. Sono stati lanciati piani aggiuntivi per città galleggianti, come Città di Oceanix a Busan, Corea del Sud e molti altri isole galleggianti nel Mar Baltico sviluppato dalla società olandese Blue21, ma nessuno è in concorrenza con questo ambito e lasso di tempo.

Waterstudio è progettato per attirare la gente del posto con le sue case arcobaleno, gli ampi balconi e le viste sul mare. I residenti si muoveranno su barche o potranno camminare, andare in bicicletta o andare in scooter elettrici o passeggini su strade sabbiose.

La capitale delle Maldive è estremamente affollata e non ha spazio di espansione se non nel mare.

La capitale delle Maldive è estremamente affollata e non ha spazio di espansione se non nel mare. Credito: Carl Court / Getty Images AsiaPac

Offre uno spazio difficile da raggiungere nella capitale: Male è uno di questi più densamente popolato città del mondo con più di 200.000 persone stipate in un’area di circa otto chilometri quadrati. E i prezzi sono competitivi con quelli di Hulhumale (un’isola artificiale costruita nelle vicinanze per facilitare la sovrappopolazione) – a partire da $ 150.000 per uno studio o $ 250.000 per una casa di famiglia, ha detto Olthuis.

Le unità modulari sono costruite in un cantiere navale locale e poi rimorchiate in una città galleggiante. Una volta posizionati, sono fissati a un grande scafo sottomarino in cemento, che è imbullonato al fondo del mare su palafitte telescopiche in acciaio che gli consentono di fluttuare dolcemente con le onde. Le barriere coralline che circondano la città aiutano a fornire un frangiflutti naturale, stabilizzarlo e impedire ai residenti di sentire il mal di mare.

Olthuis ha affermato che il potenziale impatto della costruzione sull’ambiente è stato accuratamente valutato da esperti locali di coralli e approvato dalle autorità governative prima dell’inizio della costruzione. Per sostenere la vita marina, banchi di coralli artificiali fatti di schiuma di vetro sono attaccati al fondo della città, che secondo lui aiuta a stimolare i coralli a crescere naturalmente.

L’obiettivo è che la città sia autosufficiente e abbia tutte le stesse funzioni della terraferma. Sul posto, l’elettricità sarà alimentata principalmente da energia solare e le acque reflue saranno trattate localmente e convertite in letame per gli impianti. In alternativa all’aria condizionata, la città utilizzerà il raffreddamento del mare profondo, che prevede il pompaggio di acqua fredda dal mare profondo nella laguna, che aiuta a risparmiare energia.

Costruendo una città galleggiante perfettamente funzionante alle Maldive, Olthuis spera di portare questo tipo di architettura al livello successivo. Non sarà più una “strana architettura” che si trova in luoghi di lusso ordinati dai super ricchi, ma una risposta al cambiamento climatico e all’urbanizzazione che è sia pratica che conveniente, ha affermato.

“Come architetto, se voglio cambiare qualcosa, dobbiamo ingrandirla”, ha detto.

Leave a Comment